Danza SportivaIn rilievo

Uragano IRMA: il Campionato professionisti USA danze latine si fa lo stesso

Ricccardo Cocchi e Yulia Zagoruychenko non hanno potuto raggiungere la gara

Si è svolta nei giorni scorsi la United State Dance Championships 2017, manifestazione che ha la sua origine dal lontano 1971  fino a diventare il grande evento che è oggi, dove di consuete tra gli altri, viene disputato il campionato nazionale professionisti danze latine.

Negli anni anche le location di questa manifestazione sono cambiate dapprima New York poi Washington DC, poi ancora New York. Nel 1985 la manifestazione si è trasferita prima a Miami Beach Florida e poi Orlando FL.  

Purtroppo quest’anno la zona in competizione è stata nel mirino del terribile uragano “Irma” che ha afflitto il territorio Americano. Noi dall’italia abbiamo visto immagini drammatiche di persone che hanno fatto la corsa agli scaffali per assicurarsi i viveri necessari prima di barricarsi in casa. Lo stato della florida ha messo a disposizione sistemazioni di emergenza in palasport e arene.

Nel sito ufficiale della gara, che ha deciso di andare avanti nonostante l’allarme lanciato,  si leggeva a grandi lettere :

“NEW REVISED SCHEDULE AVAILABLE DUE HURRICANE IRMA”

 cioè è stato fatto nuovo programma, in quanto l’allarme ha  inevitabilmente provocato alcune rinunce sulla  partecipazione, e gli organizzatori si sono visti costretti a riformulare un nuovo time table per la manifestazione.

Quest’anno, dopo 8 anni il titolo di campioni USA professionisti danze latino americane non viene vinto da Ricccardo Cocchi e Yulia Zagoruychenko che non riescono ad andare ad Orlando, per via delle cancellazioni.

Anche la coppia Troels Bager e Ina, avrebbero voluto debuttare nel Campionato Professionisti americano, ma sono riasti bloccati, senza porter raggiungere Orlando.

 

vedi di più

Related Articles

Lascia il tuo commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker