InfoDANZA consiglia Ottante Cosmetics
Danza SportivaIn rilievoinformazione e culturanotizie flash

Aiutiamo Beata Onefater nella sua lotta più grande

La bellissima ballerina lotta contro il cancro ha bisogno di aiuto per provare una nuova cura

Beata Onefater, Lituana di nascita inizia a ballare intorno ai sei anni muove i primi passi nelle Danze Standard e Latine.

A diciassette anni,(1995) dopo vari successi nelle categorie giovanili, inizia la sua partnership con il sud africano Michael Wentink e per dieci anni sono stati Campioni  e finalisti nelle competizioni più importanti, prima nella categoria Amateur Latin e poi nella Professional, Beata era considerata una delle ballerini più capaci della Danza Sportiva.

Ma poi la terribile notizia, dopo qualche anno dal suo ritiro dalle competizioni nel 2004, compare nella sua vita il cancro lei ha lottato come una tigre fino ad oggi dove per la terza volta il male è tornato ad aggredirla.

Dal mese di aprile che si sottopone a cure per uscirne ancora una volta, ma i medici che la stanno seguendo a New York le hanno consigliato di provare una attacco più aggressivo presso una clinica in Germania, i suoi amici più cari si sono nuovamente uniti in un abbraccio solidale per sostenerla  ed aiutarla  ad affrontare questo terribile momento, anche dal punto di vista economico.

Tutti noi possiamo allungare una mano verso di lei, per donarle anche un piccolo aiuto ma se siamo tanti il “piccolo aiuto” diventerà grande è potrà fare la differenza.

Vi alleghiamo il link per accedere a sito che si sta occupando della raccolta dei fondi a lei destinati.

Beata, ti auguriamo con tutto il nostro affetto di guarire ancora una volta e riprendere ad insegnare e lasciare ancora il tuo sapere alle nuove generazioni di ballerini.

Come molti di voi sanno, nella sua battaglia in corso con il cancro ovarico in stadio IV, Beata ha attraversato molti alti e bassi. Nell’aprile 2020, per la terza volta, il cancro è tornato e Beata è stata in cura da allora. Dopo 6 cicli di chemioterapia e 2 diversi trattamenti a New York, il team medico di Beata consiglia di diventare più aggressivo nella lotta contro la malattia e di andare in una clinica specializzata in Germania per il trattamento. Parte tra 2 settimane e rimarrà in clinica per almeno cinque settimane. Tutti i fondi generosamente donati qui verranno utilizzati per coprire parte del costo del viaggio e delle cure di Beata in Germania. Per favore aiutatemi comunque!

vedi di più

Related Articles

Lascia il tuo commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker